Agenzia di comunicazione per eventi legati a musica, festival, manifestazioni, viaggi, cultura, enogastronomia

ALBUM COVER: LA MONTAGNA NELLE COPERTINE DEI DISCHI ROCK

Album Cover con delle montagne in oltre Settant’anni di storia dell’editoria musicale. Quanti saranno? Ce lo siamo chiesti, quasi per scherzo e ne abbiamo trovati un certo numero andando a scartabellare nei nostri scaffali di dischi e CD. ma quanti saranno?

Di recente il tema della montagna è stata al centro di molte discussioni a causa del Covid-19. I gestori degli impianti di risalita, i titolari dei rifugi e tutti gli appassionati degli sport invernali si son scontrati con le decisioni prese da Governo e Istituzioni locali che hanno fatto chiudere tutte le attività per arginare la diffusione del Coronavirus. Giusto o sbagliato, non sta a noi giudicare, fatto sta che la montagna è sempre stata una meta prediletta da moltissime persone per la sua ampia offerta di “cose da fare” tra i suoi magnifici paesaggi.

Cover album di rock con montagne

Album cover con montagne

A proposito di paesaggi, sono davvero tanti i musicisti che hanno scelto di mettere nella copertina dei propri dischi monti e affini. Pensiamo ad esempio alla celebre cover di Rocky Mountain Christmas di John Denver con le cime innevate che si affacciano su un paesino di case col camino che fuma e che sa proprio di Natale. Ma la montagna non ricorre solamente durante le feste come ci dimostrano bene i Radiohead di Kid A con triangoli di monti bianchi e affilatissimi che hanno poco a che vedere con la realtà e conducono l’ascoltatore fin dal primo sguardo in un mondo parallelo di sperimentazione. Ancora montagne stilizzate compaiono nella cover di Higher Truth di Chris Cornell e in Climbing! dei Mountain, due dischi completamente diversi per genere, ma che condividono il tema di copertina: le atmosfere del rock intimista di Chris Cornell portano verso la cima, alla ricerca della verità più alta e definitiva, mentre i Mountain cercano di arrampicarsi sulla parete rocciosa, che pare quasi un gigantesco scoglio, attraverso il loro grintoso rock venato di blues.

Tanti sono gli sport che si possono praticare in montagna, dal classico sci, declinato in tutti i modi (discesa, fondo, alpinismo, ecc.) fino alle semplici ma intense passeggiate, magari con un bel cagnolone ad accompagnarci. Ne è un bellissimo esempio la cover di Ice Caps: Peaks of Telluride di Sam Bush con in copertina un cane con una sella sulla schiena, rimando al genere musicale di questo mandolinista statunitense. E restando tra le montagne del Country possiamo anche citare lo sguardo sognante di Dan Fogelberg in copertina di High Country Snows dove una soffice coltre di neve avvolge il cantante e il panorama che lo circonda, in questo bellissimo omaggio alla musica bluegrass, nata proprio tra le montagne.

I più allenati e spericolati possono invece seguire l’esempio del David Lee Roth di Skyscraper, profondendosi in arrampicate tutte rock’n’roll e sudore, rilassandosi successivamente suonando il pianoforte in mezzo alla neve come fanno i Supertramp in Even In The Quietest Moments.

Ma la montagna può riservare anche molti pericoli se non si presta la dovuta attenzione. Mai addentrarsi nei suoi boschi o sulle sue strade tortuose quando ci sono tempeste di neve o temporali, non sognatevi quindi di seguire la Lincoln Continental con a bordo George Washington e Marilyn Monroe nella copertina di Feats Dont’ Fail Me Now dei Little Feat, altrimenti va a finire che vi ritrovate giù in qualche strapiombo, con la macchina sfasciata come quella in copertina di Double Bill di Bill Wyman’s Rhythm Kings e nessuno vi ritrova più.

Se pensiamo alle montagne di solito la nostra mente va ai monti “nostrani”, tipo le Alpi, ma tra di voi ci sarà pur qualche inguaribile viaggiatore internazionale no? E allora perché non fare un giro giù in Sud America fino in cima alle Ande, proprio come nella cover dei Cantos de Pueblos Andinos degli Inti-Illimani. E visto che ci siamo facciamo un salto anche nelle riserve indiane proprio sotto i massicci rocciosi nord americani come nel retro della copertina di American Stars ‘n’ Bars del canadese Neil Young, senza trascura l’amico fraterno Stephen Stills che nell’omonimo album viene immortalato dal celebre fotografo Henry Diltz mentre se ne sta seduto su una vetta a contemplare le montagne statunitensi, finanche The Youngblood con Elephant Mountain.

Voliamo poi verso il Regno Unito e facciamo due passi ad ammirare le facce scolpite nella roccia di Deep Purple In Rock. Quale amante della band britannica non vorrebbe esistessero davvero?

Per coloro che hanno invece paura di volare o che vogliono godersi un po’ di tranquillità, si possono sempre trovare moltissime soluzioni anche restando in territorio italiano. Una rilassante gita ai centri termali con vista o un pranzo in un agriturismo in bilico tra collina e montagna, pronto ad offrire una miriade di prodotti tipici e golosità locali, sia d’inverno che d’estate. Anche molti artisti italiani hanno scelto i monti per le copertine dei loro dischi: il gruppo power metal Arthemis in Golden Dawn ha optato per un’atmosfera innevata che si colloca tra realtà e fantasia, mentre in The Mountain Sessions – Blues & Guitar Excursions Roberto Menabò ha virato verso un paesaggio dai colori caldi che invita a passeggiare all’ombra del bosco dell’Appennino bolognese per ripararsi dal bollente sole estivo.

Covid o no, la montagna resta sempre un tema che affascina e che continuerà sempre ad attirare molti appassionati col suo ampio ventaglio di attività da svolgersi in qualsiasi stagione.

Vuoi giocare con noi? Cerca nella collezione dei tuoi dischi tutti quelli che abbiano in copertina una montagna e postali sulla nostra pagina Facebook con i tag #AlbumCover e #montagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *